Terminerà sabato a Povegliano il tour primaverile di “Madri, comunque”. Alle 17,30 presenterò il mio libro per l’ultima volta prima della pausa estiva.
In questi tre mesi ho girato molto e incontrato innumerevoli persone. Un lungo viaggio, dalla prima presentazione a Roma fino all’ultima di sabato scorso ad Alfonsine di Ravenna, in cui mi sono trovata a discutere di un tema così quotidiano come la maternità (o la non maternità) di fronte a persone che o si erano rispecchiate in una o più delle trenta storie protagoniste, o erano curiose di sentire di cosa trattasse il libro o dissentivano completamente con i suoi contenuti.
Cibo per anima e mente.
Ci sono state molte discussioni, molti dialoghi, molti scambi di opinioni. E molti grazie.
Ricorderò sempre gli occhi di chi, mentre firmavo le copie, mi ha detto “Grazie, ora mi sento meno sola”.
Credo che il potere della scrittura sia proprio questo: far sentire meno sole le vite che leggono.
Per questo continuerò sulla linea del libro-inchiesta, continuerò a raccontare storie di vita: perchè ho capito che la gente cerca se stessa in quello che legge, cerca un mezzo per non sentirsi isolata dalla società, cerca qualcuno che la capisca.

Vi aspetto sabato a Povegliano.
Buona estate!